Leonardo CUQ – Caratteristiche tecniche

[cml_media_alt id='1872']leonarocuq[/cml_media_alt]Il Leonardo CUQ è un prodotto studiato specificatamente per essere installato in impianti domestici già dotati di sistemi di generazione di energia fotovoltaica connessi alla rete di distribuzione elettrica, al fine di incrementare la quota di energ ia Auto-Consumata dall’utente, massimizzando il risparmio energetico.

Il Leonardo CUQ è compatibile con tutte le configurazioni di regime di incentivazione statale, come il decreto “V conto energia”, che contempla una tariffa premio per l’energia prodotta e auto-consumata.

Funzionamento

Gli impianti per utilizzo di energia rinnovabile per uso residenziale che sono stati installati sino ad oggi sono stati tutti caratterizzati dalla configurazione comune di immettere nella rete elettrica pubblica tutta l’energia prodotta al netto dei propri autoconsumi dell’utenza domestica, tale configurazione è nota nel fotovoltaico come “impianto connesso a rete”, dunque gli utilizzatori usufruiscono solo in parte l’energia prodotta dal fotovoltaico, il resto viene immesso in rete dove la totalità dei consumatori provvede ad utilizzare tale energia immessa.

Tale configurazione è stata accettata fino ad oggi poiché le produzioni delle fonti rinnovabili coprivano sono una piccola percentuale della produzione totale di energia che veniva erogata quasi per la completa totalità dalle fonti di produzione tradizionali centralizzate in pochi punti di produzione.

Tuttavia oggi con il passaggio alla generazione distribuita di energia elettrica e non più centralizzata, tale configurazione non può più essere accettata, poiché la stabilità della rete impone che ogni utente, essendo divenuto produttore oltre che consumatore, massimizzi la propria quota di energia prodotta e consumata nella propria utenza domestica, massimizzando la valorizzazione dell’energia prodotta dal rinnovabile ed evitando i costi di trasporto e distribuzione propri della configurazione centralizzata di energia elettrica.

Negli impianti standard, con configurazione “impianto connesso a rete”, la quota di autoconsumo diretto rappresenta il rapporto tra l’energia prodotta dalle fonti rinnovabili e l’energia direttamente consumata dagli utilizzatori e non prelevati dalla rete, tale quota di autoconsumo diretto dipende dalle dimensioni dell’impianto fotovoltaico e dal profilo di carico dell’abitazione, ma tipicamente una famiglia italiana di 4 persone con un impianto fotovoltaico da 3 kWp raggiunge di per sé una quota di autoconsumo diretto pari a circa il 25%.[cml_media_alt id='1873']leonarocuqgrafico[/cml_media_alt]

Attraverso l’utilizzo del Leonardo CUQ ogni utente può incrementare la propria quota di autoconsumo di energia fotovoltaica, ogni impianto fotovoltaico è in grado di ridurre l’energia prelevata dalla rete e di non gravare pertanto sulla rete pubblica.

Quindi tramite l’incremento della quota di autoconsumo di energia fotovoltaica è possibile ottenere maggiore valorizzazione di ogni kWh di energia prodotto, oltre che ottenere maggiori incentivi statali, come la “tariffa premio autoconsumo del V conto energia”.

Tale beneficio è ottenuto immagazzinando l’energia fotovoltaica in eccesso nel sistema di accumulo elettrochimico per alimentare gli utilizzatori in un secondo momento, come nelle ore serali e notturne. Il sistema Leonardo CUQ consente l’accumulo temporaneo giornaliero dell’energia fotovoltaica in eccesso. In una famiglia media, con un dimensionamento opportuno della potenza fotovoltaica si può ottenere un incremento della quota di autoconsumo fino al 80% della quota di energia elettrica fotovoltaica, su base annua.

[cml_media_alt id='1882']leonarocuqgrafico2[/cml_media_alt]

Combinando al Leonardo CUQ un comportamento più attento da parte dell’utente, al fine di aumentare la propria quota di autoconsumo diretto, accendendo gli elettrodomestici nelle ore di massima produzione fotovoltaica, si può ottenere un incremento della quota di autoconsumo fino al 95% della quota di energia elettrica prodotta su base annua.

Tale indicazione di utilizzo degli elettrodomestici può essere facilmente ricavata dal display del data-logger che informa l’utente del momento più opportuno di accendere o spegnere gli elettrodomestici al fine di aumentare la quota di autoconsumo diretto.

[cml_media_alt id='1881']leonarocuqscreenshot[/cml_media_alt]

Schema di collegamento

[cml_media_alt id='1884']leonarocuqcollegamento[/cml_media_alt]

Il Leonardo CUQ prevede uno schema di collegamento come quello sopra illustrato, tale configurazione presume che l’apparecchio abbia un ingresso AC RETE dalla rete di distribuzione di energia elettrica che proviene dal contatore di energia di scambio.

Quindi è prevista una connessione per l’uscita AC impianto FV comprensivo di eventuale contatore di produzione ed inverter conforme alle normative vigenti in materia connessione di utenti attivi e passivi alle reti BT dei distributori di energia elettrica.

La seconda uscita AC impianto domestico dell’apparecchio è quella dedicata alla connessione delle utenze domestiche, con parametri conformi a quelli della rete di ingresso, 230Vac – 50Hz.

Il data-logger interno provvede a fornire le informazioni sui flussi di potenza istantanei dell’apparecchio oltre che alla memorizzazione dei dati storici dell’energia prodotta, immessa, prelevata e complessivamente consumata.

Nel caso di sufficiente energia da fonte rinnovabile, il Leonardo CUQ commuta semplicemente l’ingresso AC sulle utenze, aumentando l’autoconsumo diretto dell’energia rinnovabile con il massimo dell’efficienza, stato di BYPASS.

Quando l’apparecchio è nello stato di BY-PASS, può entrare in modalità STORAGE e prelevare energia dall’AC INPUT in maniera modulata e coordinata con la gestione del sistema, cercando di minimizzare e annullare la potenza immessa in rete.

In caso di batteria completamente carica il sistema di gestione non potrà più minimizzare l’energia immessa in rete che sarà direttamente prodotta dall’impianto FV, modalità FEED-IN.

Di notte, quando non abbiamo più potenza prodotta dalla fonte rinnovabile e si inizia a prelevare energia dalla rete, il convertitore passa dallo stato di STORAGE o FEED-IN a quello di erogazione di potenza, mettendosi in fase alla rete AC Input effettua una commutazione tempo zero (effettuata da un relè come per un classico UPS) e passa allo stato di INVERTER, erogando tutta la potenza richiesta dalle utenze.

[cml_media_alt id='1885']leonarocuqaperto[/cml_media_alt]

Nello stato INVERTER l’impianto è completamente isolato dalla rete, ma con una configurazione impianto di tipo TN-S (neutro messo a terra localmente), in modo da mantenere la funzionalità delle protezioni differenziali e di tutti gli elettrodomestici che necessitano di un neutro riferito a terra e non flottante, come le caldaie a GAS metano.

In caso di batteria scarica, il convertitore passa dallo stato di INVERTER a quello di BY-PASS, grazie alla commutazione tempo zero, l’utente ha una continuità di servizio per tutti le tipologie di carico anche quelli più sensibili, in questo caso l’energia torna ad essere prelevata dalla rete di ingresso.

Il sistema di monitoraggio registra i dati di produzione FV, registra i dati di prelievo dalla rete AC INPUT, calcola la quota autoconsumo ed i rientri economici dell’intero sistema in funzione dei sistemi incentivanti.

La ventilazione interna del vano batterie è stata studiata in maniera conforme alla norma CEI EN 50272-2.

[cml_media_alt id='1886']leonarocuqdimensioni[/cml_media_alt]

Caratteristiche tecniche
  • Sistema di accumulo per impianti diproduzione FV connessi a rete
  • Gestione di potenza per massimizzazione dell’autoconsumo
  • Data-Logger per memoria storica dei dati di produzione, consumo ed immissione
  • Inverter DC/AC ad onda sinusoidale pura
  • Tensione di output: 230Vac±2% 50Hz±0,1%
  • Potenza uscita continua 3000VA
  • Potenza di picco 6000W
  • Efficienza Massima 93%
  • Protezione sovraccarico e cortocircuito AC
  • Potenza carica-batterie 2100W
  • Sensore di temperatura esterno
  • Tensione di batteria 24 – 48Vdc
  • Capacità massima a 24Vdc: 200Ah
  • Capacità massima a 48Vdc: 100Ah
  • Capacità energetica nom. 9,6kWh
  • Batterie ermetiche AGM o GEL o LITIO (LiFeYPO4)
  • Contenitore metallico IP20
  • Semplicità di cablaggio ed installazione
  • Fusibile di protezione batteria interno
  • Dimensioni Box 92 x 40,2 x 136,8mm
  • Peso comprensivo di batterie: 350kg